Settimana Santa

Ultima modifica 7 dicembre 2021

La Domenica delle Palme ha inizio a San Vero come in tutta la cristianità la Settimana Santa. La chiesa celebra e rivive in quei giorni i momenti conclusivi della vita terrena di Gesù Cristo. Un ruolo importante nei riti di questa settimana hanno le locali confraternite del Rosario, dello Spirito Santo e del Carmelo, ricostituite qualche anno fa. La settimana che precede la Domenica delle Palme, i confratelli si ritrovano, in compagnia di volontari, e preparano con varie lavorazioni di intreccio, le palme che verranno distribuite ai fedeli. La chiesa ricorda nella Domenica delle Palme l'ingresso di Gesù a Gerusalemme; durante la celebrazione liturgica, si distribuiscono le palme con dei ramoscelli d'olivo, simbolo di vittoria e di pace.

Il momento culminante della Settimana Santa è costituito dal Triduo Sacro, ossia dal Giovedì, Venerdì e Sabato Santi.

Il giovedì si ricorda l'istituzione dell'eucaristia durante l'ultima cena. In essa si rinnova la cerimonia del Mandatum, ossia la "Lavanda dei piedi" agli apostoli da parte di Gesù. Is mazzettus, mazzolini di menta ,violette e altre specie di fiori , usati per il rito, benedetti, al termine della cerimonia liturgica vengono distribuiti ai fedeli. La liturgia è preceduta dalla benedizione degli Olii. 

Il venerdì è sicuramente il giorno più carico di significati. La chiesa commemora la morte di Gesù Cristo sulla croce. La Via Crucis, ripropone, attraverso le stazioni, gli ultimi episodi della vita di Cristo. A San Vero questo momento lo si rivive in processione per le vie del paese. Vi è un forte coinvolgimento da parte della popolazione e soprattutto di quelle persone che nelle facciate delle proprie abitazioni approntano dei semplici altari in concomitanza delle stazioni. Il momento culminante della giornata è indubbiamente quello de Su Scravamentu, ossia lo schiodamento del Crocifisso. Di grande intensità drammatica si rivela, nella cerimonia popolare della "adorazione della Croce", il momento dell'Ecce lignum crucis. Su scravamentu, sostanzialmente consiste in un Dramma silenzioso, enfatizzato solo dai canti. Il Cristo viene deposto in una lettiga, decorata con is mazzettus e portato in Processione per le vie del paese.

Il sabato è dedicato alla riflessione in attesa della risurrezione. Le campane tacciono in segno di lutto. Le funzioni religiose sono annunciate dal suono delle matraccas: strumenti largamente diffusi in buona parte della Sardegna.

Pasqua è il giorno della risurrezione di Gesù Cristo. Anche a San Vero si rivive con grande partecipazione liturgica il momento dell'incontro tra la Madonna e il Figlio risorto e popolare come testimoniate da consuetudini, quali lo scambiarsi il benaugurale caccoi cun s'ou e a tavola consumare l'agnello arrosto.


In evidenza